Biciclette

La mia amica S. ha appena imparato ad andare in bicicletta. E ha 29 anni. Compiuti da poco. Mi dà la notizia alla festa del suo compleanno – Vale, ma la sai la novità? Non ci crederai, ma ho finalmente imparato ad andare in bicicletta- non ci vediamo da un mesetto e la prima cosa che mi comunica è quella. Lo fa con un entusiasmo pari solo a chi ha inspiegabilmente dato la risposta giusta all’ultima domanda di “Chi vuol essere milionario”, con quella gioia mista ad incredulità, di chi ha bisogno di ripetere più volte una cosa per capire di averla davvero realizzata. Complice della missione, il suo compagno.
Mi diverto ad ascoltare i suoi racconti , i suoi – per ora niente salite, non ce la faccio e le discese, piano piano…- mostra i suoi lividi perchè è caduta un paio di volte. E mentre la sua voce continua a raccontare le sue improbabili peripezie, mi viene in mente il famoso e abusato modo di dire “hai voluto la bicicletta e ora pedali”, mi vengono in mente tutte quelle volte in cui ho voluto testardamente qualcosa e tutte le fatiche a cui sono andata, più o meno coscientemente, incontro: quando a 4 anni ho voluto iscrivermi a danza, quando ho deciso di andare in Canada, quando ho stabilito che avrei voluto fare la scrittrice, tutte situazioni che hanno richiesto una buona dose di sacrifici, ma tutti o quasi, portatori di entusiasmo e soddisfazioni.

Ora, che davanti a me, ho una nuova sfida da affrontare, pensare all’avventura di S, che a 29 anni, ha superato la prova bicicletta con grinta e coraggio, mi dà una sferzata di ottimismo imbarazzante. Ho voglia di prendere questa bici nuova di zecca, ovvero il mio trasferimento a Torino, e ho voglia di pedalare, prima piano piano, evitando le salite e poi sempre più veloce, fino a non frenare in discesa. E poi chissà, addirittura andando senza mani, guardando lo splendido panorama circostante. Qualunque cosa accada, pedalo convinta e serena, forse cadrò. Ma almeno potrò mostrare i lividi con orgoglio mentre racconterò le mie avventure.

La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti. (Albert Einstein)

Da leggere ascoltando Mina – Bellezze in bicicletta

Annunci

One thought on “Biciclette

  1. Pingback: Un posto al sole « UFO Ultima Fermata Ormai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...