Fuck the karma

Da leggere ascoltando Wild Nothing – Paradise

Sei seduto sui gradini di un locale chiuso. Hai in mano una birra ormai calda che non riesci a buttare giù. E’ settembre ma l’aria è come rimasta ad agosto. Indossi una tunica che hai comprato 2 settimane prima in India a Delhi, ci sei andata per lavoro e lì ti sei un po’ ritrovata, ti se distaccata dalla tua vita milanese, da un amore vissuto male a singhiozzi per più di un anno. Sei tornata e al tuo rientro il tuo karma era pronto li ad aspettarti, con il solito amore a singhiozzo che bussa alla porta. Questa volta dice la parola magica. Questa volta dice che ha capito. Questa volta è proprio convinto. Occhei, scavi dentro di te, ti interroghi, ti chiedi se proprio proprio non puoi dargli un’altra possibilità e gli dici, occhei, ci sto, vediamo come va. E 2 mesi dopo sparisce di nuovo, alla velocità di un singhiozzo.

Passano 6 mesi.

Hai un taglio di capelli diverso, sei felice. Stai progettando il prossimo viaggio, un’avventura in Thailandia con la tua migliore amica. Il tuo amore passato è lontano di almeno 1000 singhiozzi. Cammini serena respirando l’aria di primavera acerba e non te ne accorgi, proprio non ci fai caso, ti trovi a sbattere contro quell’amore ormai assopito. Ti ritrovi stesa su un telo a fare un pic nic che si trasforma in un “voglio riprovarci” il mantra dell’amante indeciso si ripete più forte, più concreto e denso: penso sempre a te, sei l’unica con cui ho voglia di progettare un rapporto. Occhei, scavi di nuovo e anche se non trovi nulla dici, che forse è destino se continui ad inciampare sempre tra le sue braccia. Che quello è il tuo karma. E ci riprovi.
Dura 10 mesi. Record assoluto. Poi finisce, come tutti i songhiozzi.

Ora sei seduto davanti ad un computer con un txt vuoto da riempire e l’unica cosa che ti viene in mente dopo tutto, è che la storia del karma è una grande stronzata e che il singhiozzo, se respiri per bene, non dovrebbe più presentarsi.

Ecco, benvenuto nella tua nuova vita.

Sai, molte scelte che facciamo nella nostra esistenza appaiono logiche solo guardandole dopo, a fatto ormai compiuto. Sembrano perfino far parte di un disegno dotato di senso. (Raul Montanari)

Annunci

One thought on “Fuck the karma

  1. Pingback: La musica della vita | UFO Ultima Fermata Ormai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...